Casey Neistat dice addio ai vlog

Lo ammetto, mi mancherai.

Lo ammetto, mi mancherai.

Un po’ me lo aspettavo, “This relationship can’t continue forever…”, un po’ ci speravo: nelle ultime settimane Casey mi era parso privo di emozioni e voglia di fare, il suo “Do more” si era trasformato in “Do enough”, e nei video dei suoi colleghi YouTuber (Shonduras in primis) sorrideva a malapena, non sembrava felice, come se questa relazione tra noi spettatori e lui e la sua vita fosse durata troppo a lungo.

Quindi davanti a quest’ultimo vlog ho tirato un sospiro di sollievo: io non dovrò più guardarlo a fatica quando Ben Brown è in ritardo con le uscite e quelle di Jon Olsson le ho già viste, e lui potrà tornare a concentrarsi sui “video pensati” che faceva prima di mettersi a vloggare. Quei video splendidi, utili e divertenti, che lo hanno portato a 500.000 followers, un numero misero in confronto ai 5 milioni arrivati in poco più di un anno di video giornalieri e allo scioccante 1 milione del mese di settembre.

Il successo facile Casey non lo digerisce, e per produrre qualcosa di nuovo, per creare il suo futuro deve abbandonare tutto. Io non mi arrabbierei, né piangerei come metà dei followers sta facendo; io sarei eccitato per quello che sta per arrivare!